mercoledì 17 novembre 2010

Giulia Passione: Trash is back!

E' da un pò che voglio affrontare l'argomento della mia TOP in fatto di canzoni trash italiane e una certa vicinanza d'intenti con la mia amica Povera Mildred mi spinge a farlo adesso.

Dunque, nella mia personalissima, ma credo anche condivisibilissima, lista troverete canzoni considerate trash più per il contenuto poetico che per la musica, anche se spesso la pesantezza di quest'ultima da sicuramente il tocco definitivo per l'inserimento all'interno della TOP.

Ed ecco a voi la SuperClassifica(Trrrrrrash)Show!

N° 10 - Una Rosa Blu. Michele Zarrillo.

Nel lontano 1982 Michele Zarrillo si presenta sul palco di Sanremo con quest'orrida canzonetta patetica. E fa flop. Giustamente. Dopo un pò di tempo, successivamente a quell'altra patetica canzonetta che è L'elefante e la Farfalla, viene riproposta in album più recenti che spero mai nessuno di voi abbia acquistato.
Il passo saliente è:

Io sulla pelle io me lo scriverei
l'amore in macchina no non c'è magia
un tatuaggio perché va dove vai
al mare o dove si può purché scappare via.
E mi racconto di te di lei ma chi se ne frega
ma si doveva andare andare così
e non mi accorgo nemmeno che ti ho detto ti amo
quando si apre sul seno la tua rosa blu.

N° 9 - Italia Amore Mio. Pupo, Emanuele Filiberto e Luca Canonici.

Passano 18 anni, ma la maturità artistica di Sanremo rimane minorenne. Nel 2010 viene permesso a Pupo, Emanuele Filiberto (che neanche dovrebbe poter entrare in Italia) e un tenore sconosciuto che pur di fare quattro soldi si è sputtanato in tutta la penisola e, forse, non lavorerà mai più, di salire sul palco dell'Ariston.
Il passo più agghiacciante è:

(E. Filiberto) Ricordo quando ero bambino, viaggiavo con la fantasia,
chiudevo gli occhi e immaginavo, di stringerla fra le mie braccia.
(Pupo) Tu non potevi ritornare pur non avendo fatto niente,
ma chi si può paragonare, a chi ha sofferto veramente.


N° 8 - Il giorno dei perdenti. Marco Masini.

Che non si dica che vilipendo Masini dicendo che è uno sfigato porta-jella.
Io Masini lo ascoltavo e lo cantavo a squarciagola (poi ho smesso, ma non rinnego il mio passato). Fatta questa premessa, la canzone Il Giorno dei Perdenti è una martellata sacra nelle sante balle.
Giudicate voi:

È un giorno come tanti lo so
è un altro vuoto in me
è polvere fra i denti
è un bagno nel bidet
È il giorno dei perdenti
è un giorno che non c'è.

N° 7 - Muscolo Rosso. Cicciolina.
 
Vi posto il frammento più casto di questo brano ed evito di commentare. Basta dire che c'è un nutrito gruppo di fans di questa canzone e che, in questo caso, la parola trash non è completamente negativa.
 
Selvaggio animale in calore
il cazzo che mi spruzza nel cuore
un muscolo rosso d'amoreee
affonda lungo al mio cuore

N° 6 - Che Brutto Affare. Jo Chiarello.
 
Nel vinile di Sanremo 1981, che conosco a memoria, c'è una canzone targata Califano - Varano, che si intitola Che Brutto Affare ed è cantata da una squinzia di 18 anni che poi è scomparsa dal panorama musicale. C'è da dire che assomigliava sorprendentemente ad Antonella Clerici.
 
Jo Chiarello aka Antonella Clerici
Che brutto affare,
non m'hai insegnato neanche a far l'amore,
capisco adesso che non ci sai fare,
parlavi bene e razzolavi male,
io ti consideravo un superman
ma non sei neanche un man,
scemo,
non sei nemmeno la metà di un man,
ma non sei neanche un man,
scemo,
non sei nemmeno la metà di un man.

Entriamo nel vivo della classifica con la

N° 5 - Perchè. Aleandro Baldi, ma cantata da Fausto Leali.

1992. Nasce la competizione tra Aleandro Baldi e Andrea Bocelli, vinta poi nettamente dal secondo. Dice lo stesso Baldi "Mi dissero, tra te e Bocelli uno è di troppo". Quello di troppo, Baldi appunto, non scomparve abbastanza presto da NON scrivere Perchè. Presentata da Fausto Leali al Sanremo 1992.
La canzone è completamente e definitivamente TRASHISSIMA ma la frase veramente toccante é:

Nell'isola dei se all'amo dei perchè si fa tirare il tonno
Non domandarlo a me bambino dei perchè sciuriddi tutto l'anno.

N°4 - Uomini Soli. Pooh.

Citerò il dopobarba che sa di pioggia e la ventiquattro ore, perchè ho scoperto da poco che è veramente la cifra stilistica di questa canzone presentata a Sanremo 1990. E' ormai diventata la colonna sonora degli incontri e delle telefonate tra me e Povera Mildred. L'ultima ieri sera.

Ci sono uomini soli per la sete d'avventura,
perché han studiato da prete o per vent'anni di galera,
per madri che non li hanno mai svezzati,
per donne che li han rivoltati e persi,
o solo perché sono dei diversi.


La situazione della classifica si fa HOT, visto che siamo arrivati al podio.

N°3 - MEDAGLIA DI BRONZO. Tutt'al più. Laura Pausini.

Una canzone sulla perdita della verginità. E io che avevo capito che avrebbe amato Marco per sempre... E invece mentre quello andava via in treno, la Pausini guardate un pò cosa combinava:

Almeno dimmi che mi scalderai
Stringimi forte quando finirai
E giuralo anche tu che
Non mi lascerai
Perché tutt'al più
Potresti farmi male tu
Ma potrei farti del male anch'io
Oh no, io no
Tutt'al più
Dirò che è stata colpa mia
Dirò che è stata una follia
Che l'ho cercata e l'ho voluto io
Tutt'al più
Stanotte ti diverti tu
Domani forse rido io
Perché domani sarò donna anch'io
Tutt'al più

N°2 - MEDAGLIA D'ARGENTO - In te (il figlio che non vuoi). Nek.

Sanremo 1993. Nek si presenta con un brano sull'aborto che è un abominio.
Questa ve la posto tutta, perchè ogni singola parola di questa trashata sovrumana è una meraviglia di schifo e vomito.

Risalirò col suo peso
sul petto
come una carpa il fiume
mi spalmerò
sulla faccia rossetto
per farlo ridere
per lui poi comprerò
sacchetti di pop-corn
potrà spargerli
in macchina
per lui non fumerò
a quattro zampe andrò
e lo aiuterò a crescere
lui vive in te
si muove in te
con mani cucciole
è in te
respira in te
gioca e non sa
che tu vuoi buttarlo via
Gli taglierò
una pistola di legno
gli insegnerò a parlare
la sera poi con noi due
farà il bagno
e vi insaponerò.
Per lui mi cambierò
la notte ci sarò
perché non resti solo mai
per lui lavorerò,
la moto venderò
e lo proteggerò, aiutami.
Lui vive in te
Lui ride in te
o sta provandoci
è in te, si scalda in te
dorme o chissà,
lui sta già ascoltandoci.
Lui si accuccerà
dai tuoi seni berrà
con i pugni vicini
tra noi dormirà
e un pò scalcerà
saremo i cuscini noi due.
Con gli occhi chiusi lui
la vita afferra già
il figlio che non vuoi
è già con noi.
Lui vive in te si culla in te
con i tuoi battiti
è in te
lui nuota in te
gioca chissà...
è lui il figlio
che non vuoi .

N°1 - MEDAGLIA D'ORO - Voglia di Cosce e Sigarette. Mauro Repetto.

Mauro Repetto è quello sfigato degli 883. Il ballerino magnificente di Nord Sud Ovest Est.
Raggiunto il successo con Max Pezzali, il nostro eroe, nonostante le insistenze di Cecchetto che gli dice "guarda che tu senza Max sei solo un pirletta qualunque" non ci sta e dice NO! Io sono un'artista.
La Pina, Mauro Repetto e Diego
Si trasferisce dunque in America, sputtanando i soldi di papà e facendo un disco AUTOPRODOTTO dal titolo Zucchero Filato Nero. Poi, senza più una lira va a fare Pippo da EuroDisney dove una seguace di Madre Teresa di Calcutta se lo sposa e ci fa dei figli.
Ecco un estratto della traccia 7 dell'album. Voglia di Cosce e Sigarette.

Rosse tendine menù prezzo fisso
vestite bianche con gli occhi a nocciola
entro, mi siedo mi guardano in tre
due con l'anello, una c'ha il bandana
denti più bianchi delle mie mutande
voglia di cosce e di sigarette.

Chiaramente chiedo a voi se conoscete queste canzoni e quali, secondo voi, mancano dalla lista.
Aiutatemi a ricordare qualche chicca che al momento mi sono persa!

16 commenti:

  1. cavolo, mi si è aperto un mondo! Io di Cicciolina conoscevo solo la castissima labbra... devo assolutamente studiare meglio.
    Comunque rimanendo in tema sanremese come dimenticare la mitica Ti voglio senza amore di Iva Zanicchi (ma volendo c'è anche il provino di Fiordaliso)

    Ti voglio senza amore,
    ma dammi tutto il resto
    Fai quello che ti piace,
    però non finire presto

    e con questo ho detto tutto...

    RispondiElimina
  2. ecco, ora muoio dal ridere....Julez mi fai morì.
    Ehm, fammi fare mente locale..dunque.

    Secondo me manca nella classifica:
    Anna Tatangelo (che poi è come dire Gigi D'alessio) con Il mio amico. (prova a vederti il video su Youtube. Si commenta da sè.

    I Jalisse (porelli) con Fiumi di Parole..robaccia allo stato puro

    E secondo me al primo posto c'è anche Sabrina Salerno con Jo Squillo, con Siamo Donne. Però non posso non amare questa canzone, mi ricorda un bel periodo della vita..siaaaamo doooonne
    oltre le gambe c'è di piuuuuuu

    RispondiElimina
  3. Una top ten terribile.
    Suggerisco, a questo punto, un medley con una frase presa da ognuna delle canzoni.
    Suona più o meno così:
    "Io sulla pelle io me lo scriverei
    tu non potevi tornare pur non avendo fatto niente
    è un bagno nel bidet
    selvaggio animale in calore
    non m'hai insegnato neanche a far l'amore
    nell'isola dei se all'amo dei perchè si fa tirare un tonno
    ci sono uomini soli per la sete d'avventura
    dirò che è stata una follia
    che tu vuoi buttarlo via
    denti più bianchi delle mie mutande."

    Come ti sembra?

    Ad ogni modo, Repetto un mito per tutti noi.

    RispondiElimina
  4. Sì, sono d'accordo con sononera: le tre che ha citato non possono assolutamente mancare nella classifica del canzoni trash nostrane!! :D
    Un saluto,
    Vince

    P.S.: Sono capitato qui per caso (per eventuali colpe, rivolgersi al blogger il cui nick inizia per 'B' e finisce per 'ert'... eheheh... :P), seguendo un link, e devo dire che sùbito mi è piaciuto il tuo blog... Mi sa che tornerò a trovarti, posso?;)

    RispondiElimina
  5. @Vince Symo --> sei assolutamente il benvenuto! Credo che farò un secondo post sulle canzoni che segnalerete voi (e con qualcuna che mi è venuta in mente successivamente!)

    @Ford --> FANTASTICA! Però la deve cantare Jo Squillo vestita come in Azzurro quando cantava Violentami!

    @Sononera --> troppo raggggione! E soprattutto una cosa: DOBBIAMO vederci.. Oh ma non è un'imposizione.... noooooooooooo!

    @Bert --> vedo che anche tu hai avuto un decennio difficile negli anni '90! Meno male, pensavo di essere da sola! :D

    RispondiElimina
  6. oddio, io di trash me ne intendo, ma qui è davvero troooooppo persino per me! :D

    ma mauro repetto non sapevo nemmeno avesse fatto un disco. te lo sarai mica comprata? se no potrebbe essere un buon regalo per mr. ford uaahahah ^_^

    RispondiElimina
  7. uhhhhhhhhhhh... che orrore! proprio il peggio del peggio!

    RispondiElimina
  8. oddioo.. almeno quattro le so a memoria.. ed ho detto tutto.. meno male che si cresce...
    quella di nek mi faceva persino uscire la lacrimuccia..
    ma alcune anche per me sono trooppoo
    repetto for president ;-)
    e.

    RispondiElimina
  9. Che orrore!! alcune non le avevo mai sentite prima e devo ringraziarti per queste meravigliose perle della musica italiana, mi chiedo come abbia potuto vivere senza!
    P.S. dal 1982 al 2010 gli anni passati sono ahime' 28, purtroppo lo so molto bene ma per me possiamo anche fare finta che siano solo 18 ;)

    RispondiElimina
  10. dai, ora m'incazzo. perchè qui non ho l'audio e quella di repetto non la potrò mai sentire. non è giusto.

    la top ten è decisamente brutta, la dieci però l'avrei messa più in alto.
    e mancano tutte le canzoni degli ottoottotresh, tipo "tu la regina del celebrità"; manca "vaffanculo" di marco masini; manca fiorella mannoia che anche no; manca biagio antonacci. insomma, con gli italiani la tua classifica va a nozze.

    RispondiElimina
  11. @Polly --> devi asssssssolutamente ascoltare Voglia di Cosce e Sigarette!
    Per quanto riguarda Una Rosa Blu è veramente trash ma in paragone con le altre...
    Invece gli 883 sono miti infantili e non posso, non posso (va beh, insomma, non voglio) metterli in lista!

    @Alice --> la mia calcolatrice è farlocca. Speriamo non lo sia anche la bilancia del dietologo! :D

    @Emanuelas --> che te lo dico a fare? IO LE SO TUTTE!!!!!!

    @MadiS --> vivere negli anni '80/'90 in Italia è un trauma che in pochi possono comprendere!

    @Marco --> trash trash trash tutta la vita!

    RispondiElimina
  12. Violentami dei Candeggina (la cantante è la già citata -porella- Jo Squillo).
    Un pezzone, direi...

    ps.Muscolo Rosso..ti adoro..che m'hai fatto ricordà! :)

    RispondiElimina
  13. la Povera Mildred19 novembre 2010 14:39

    Ma Dio delle cittuààààà e del'immensituàààà!
    E scopro solo ora che anche tu conosci "Che brutto affare" ! Però la musica è pazzesca!
    Pensa che non ho ancora ascoltato quella di Repetto...si trova? Povero, mi ha sempre fatto tanta pena!

    RispondiElimina
  14. la Povera Mildred22 novembre 2010 10:20

    Hai dovuto ripetermelo a voce che bastava cliccare sul titolo x ascoltarle...l'età ed il raffreddore!
    Cmq ci metterò un po' per riprendermi dalla decima e dalla prima!
    E quella di Cicciolina sarebbe molto meglio cantata dalla Pausini :-)))))
    Voglio la seconda classifica!!!!!!!

    RispondiElimina
  15. anvedi chi m'hai tirato fuori aleandro baldi!!!!! argh!
    e mauro repetto!!! ammazza quant'è gonfio!
    quella di nek è da denuncia.
    grazie di questo post fantastico
    ^u^

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...