lunedì 31 gennaio 2011

La vera storia del mitologico Uomo/Bidet

Oggetto di utilizzo comune, per qualcuno.
AVVERTENZE AGLI UTENTI:

ASTENERSI SE:
- malati di cuore
- minori di 18 anni (se nati negli anni '80) / minori di 12 anni (se nati ai giorni nostri)
- fighe di legno
- bigotti
- noiosi
- amanti di autori di opere d'arte inutili tipo Bruce Nauman

Un'indimenticabile opera d'arte del celeberrimo Bruce Nauman.
Più o meno significativa come sta cippa.

- persone prive di cinismo
- persone prive di umorismo
- persone prive di buonsenso
- persone prive di conto in banca
- persone prive di senso pratico
- persone prive di eccessi
- berlusconiani
- scassa caxxi

A grande richiesta di Vince Symo, ecco la vera ed unica storia del mitologico Uomo/Bidet, ossia il solo compendio esistente al mondo sul perchè bisognerebbe sempre evitare di avvicinarsi all'U/B e agli idoli di ragazzetta.

Nel 1993 piccola JuleZ ebbe la brillante idea di iscriversi al Liceo Classico. Il luogo ideale per una ragazzina mezza sfigata e senza stile innamorata dell'amore e con il sogno della tipica High School americana: migliore amica, fidanzato storico e tante uscite. Un piccolo grande dramma.
Bene, nel pieno del periodo storico di sfigata JuleZ (anni 1991/1996), ci troviamo dunque in questo Liceo Classico di Mole City, dove la fauna era più o meno divisa in queste percentuali:

80% femmine (di cui 70% sfigate e 10% alternative)
19% sfigati
1% ragazzi con quel certo non so che

Al secondo anno del Liceo la sezione A (quella degli sfigati, insomma, la mia) e la sezione B (quella degli alternativi) vengono messe sullo stesso piano.

UN COLPO DI FULMINE

Andando in bagno piccola JuleZ passa davanti alla 5^ B (5^ ginnasio = 2° anno) e incrocia lo sguardo di Fulgenzio*. Occhi verdi, capelli castani tagliati corti, maglione nero, jeans e scarpe da ginnastica non da tamarro.

Per farla breve piccola JuleZ sbava dietro a Fulgenzio per qualcosa come 10 anni, 4 di liceo + 5 di università. O meglio, negli anni di liceo sbarellamento completo (diari e diari con su scritto com'era vestito, cos'aveva detto, con chi aveva parlato, sogni erotici quando lui aveva le stampelle etc..), all'Università sussulti al vederlo, ma non è che lo incontrasse così spesso.

Ad un certo punto della nostra storia (inverno 2004), per ragioni tuttora a me sconosciute piccola JuleZ si ritrova a sciare con lui e la sua compagnia (7 ragazzi ed PJ) e da lì comincia una sorta di finta amicizia volta alla speranza di finire a letto, da parte di entrambi. La sera di Natale la mitica telefonata in cui Fulgenzio invita PJ a casa sua perchè è da solo.

IL CORONAMENTO DEL SOGNO

Importante Avvertimento:
se quando baciate qualcuno non vi sentite molto convinti (forse perchè lui ha gli occhi rivoltati all'indietro tipo crisi epilettica) NON ANDATE AVANTI, non c'è da guadagnarci.

Invece piccola JuleZ (ormai molto più vicina ad essere media JuleZ) si dice: "Sti cazzi, ho aspettato 10 anni e mò si conclude!". Esperienza tutt'altro che sconvolgente, anzi completamente dimenticata.

MA SICCOME SONO MASOCHISTA

In preda agli effluvi del Natale e dell'alcool, credo, PJ lo invita a Bologna, dove sta facendo un meraviglioso ed intensissimo corso di Circo e dove condivide la vita, la casa, la scuola e tutta se stessa con MOGLIE di cui ho parlato qui e qui. Dunque lui entra in una situazione molto intima in cui non c'entra niente. Forse più che masochista sono sadica... Boh?

IL CROLLO DEL MITO: alias LA VALANGA

Lui riesce a fare le seguenti cose:

- cercare di emulare le nostre verticali al muro, rischiando di spaccare la cucina
- chiedermi 10 € per tornare a casa e pagarsi il treno (me li ha restituiti, però...!)
- stare a scrocco senza neanche proporsi di fare mezza spesa
- una volta appurato che questo rapporto non sarebbe diventata una relazione con beneplacito di entrambi, a cinque minuti del famigerato "rimaniamo amici. Bella per me" arrivarmi vicino e dirmi "dammi un kiss Baby" facendo la strana imitazione di un gorilla che balla (mentre io cerco di farmi un altro, tra l'altro)

MA SOPRATTUTTO

Primo giorno a Bologna (e vi assicuro che non c'è mai più stato niente dopo quel momento!).
Tipica roba scema da ragazzetti "giochiamo a questo, chi vince subisce sesso orale" (ok se ve lo stessi raccontando non userei queste parole, ma qui mi cercano sempre come "scopa vecchia morta insieme fratello" o "tette mosce" et similia).
Lui vince e mi dice TESTUALI PAROLE:
"Vado a farmi il bidet"

ORA

10 e lode per l'igiene
0 spaccato per la lungimiranza (voglio dire siamo a letto, da soli, se finiva diversamente non ti lavavi? Ma soprattutto come poteva finire diversamente, a parte come è poi effettivamente andata?)
-15 per la capacità di coinvolgere il partner
-5000 per la possibilità di concludere qualcosa da quel momento in avanti!

FINE DELLA STORIA

Fingo di addormentarmi e NON MI CONCEDO MAI PIU'

MORALE DELLA FAVOLA (per i maschi)

NON parlate di igiene intima a ridosso dell'atto sessuale. Piccolo consiglio: siate discreti. Ci piace che siate puliti ma non che ci spieghiate come fate ad esserlo.

MORALE DELLA FAVOLA (per le femmine)

Se non vi sentite convinte c'è un motivo. Non trovate scuse e scappate. Una volta in casa è moooolto più difficile sbattere fuori qualcuno!

E voi? Mai incontrato qualche personaggio mitologico assurdo che volete condividere con noi?



*Fulgenzio è chiaramente un nome di fantasia

19 commenti:

  1. Cara Julez non c'è niente di peggio di quando crollano le cotte platoniche dell'adolescenza...
    Posso benissimo immaginare come nell'istante in cui è stata pronunciata la fatidica frase tu abbia riacquistato immediatamente la razionalità.
    Comunque ti devo confessare che quando ho letto il titolo del post avevo pensato ad un'altra cosa...........

    RispondiElimina
  2. Non posso proprio condividere. Altro che uomo bidet. I miei sono davvero casi umani.

    RispondiElimina
  3. Se vuoi lo scrivo ma non vorrei alimentare le ricerche strane nel tuo blog....

    RispondiElimina
  4. La frase, in una lettera: Ti bacio sui seni.
    Mi ha fatto venire i brividi, non so a voi, magari sono una stronza (dite pure, non c'e' problema), ma mi e' sembrata di una goffaggine infinita.
    Potenziale arrapescion: zero.

    RispondiElimina
  5. Sai, anche se te l'ho sentita raccontare tante volte, rileggere la storia dell'uomo bidet è qualcosa di mitico.
    Bellissimo post, bentornata numero dieci!

    A proposito, quando racconti anche del mitologico uomo sopracciglia? Rido ancora di quando veniva da noi al banco con quel fare da playboy irresistibile...

    RispondiElimina
  6. @Ford --> è possibile, è possibile!

    @Sfollicolatamente --> non sei stronza, sei sana!

    @Ginger --> mhhhhhh credo di aver capito...

    @Sononera --> please facci un post che sto già ridendo solo a pensarci!

    RispondiElimina
  7. che mazzata Julez, come ti crolla un idolo! ;D

    RispondiElimina
  8. siccome le cause perse sono il mio pane quotidiano, voglio difendere Fulgenzio. Secondo me non sarebbe diventato Uomo/Bidet se PJ non fosse avesse invitato in preda all'isteria natalizia.
    Parto con la mia arringa:
    "Se l'invito fosse stato fatto in una condizione di sanità mentale, l'episodio sarebbe passato in secondo piano, inoltre, signori della giuria, mi domando: non sarebbe stato peggio se l'imputato non si fosse fatto il bidet?
    Quest'uomo è vittima della propria pulizia fisica e morale, pertanto non può e non deve essere condannato! Se tutto il mondo usasse il bidet come lo usa il mio assistito, non esisterebbero neppure i Francesi, allora sì che tutti potrebbero essere per sempre felici e contenti.
    L'unica colpa di Fulgenzio è stata quella di aver accettato un invito fatto troppo frettolosamente, non vogliamo incolpare PJ per questo, sappiamo che durante il periodo natalizio può accadere di tutto, ma il quest'uomo non si è macchiato di alcun crimine, se non quello di voler essere sinceramente pulito.
    Se farsi il bidet è un reato, allora il mio cliente è colpevole; se essere sinceri è un crimine, allora è colpevole anche di questo; se esercitare la professione di avvocato senza aver mai studiato alcuna legge è un delitto, allora io sono colpevole!
    Se per voi la pulizia, la sincerità e l'abuso della professione di avvocato sono reati, vorrei vivere in un mondo di fuorilegge."

    [tutta l'aula commossa inizia ad applaudire]

    PS: evviva le domande retoriche da arringa difensiva finale!
    PPS: ah, ti ho riririririripremiato anche io come blogger stilosa.

    RispondiElimina
  9. Ma grazie per aver esaudito la mi richiesta, innanzitutto! :D

    L'ormai celebre Uomo Bidet... che dire?! Ma che sfigato!! :P Se proprio si necessita di un bidet, non lo dire, vai in bagno con una scusa magari...
    Savoir faire 0, signori! ... Eheheh... :P

    So che risulterò insaziabile :D, ora però attendo un apposito post sull'Uomo Sopracciglia... ihihih... :P ;)

    RispondiElimina
  10. Oddio, io ne avrei da dire, ma ci son particolari sessualmente espliciti...e poi è ora di pranzo, non mi sembra il caso :D

    RispondiElimina
  11. no vabbè, un po' lo salviamo questo fulgy! da un lato è stato davvero poco romantico. tipo quella volta che ho sentito dire dalla mia migliore amica al suo uomo, in pubblico, che a lui a volte puzzava il pisello di calamaro. terribile. però almeno fulgy si lavava. cioè insomma, anche il pisello al calamaro ti fa passare la poesia, mica solo l'uomo che si fa il bidet! magari però poteva dire tipo "vado un attimo in bagno/ torno subito/ aspettamo Baby" :)))

    RispondiElimina
  12. @polly: ... Ahahah... il pesello al calamaro mi mancava... uahahahah... :P
    Ovvio, comunque, l'igiene è fondamentale! ;)

    RispondiElimina
  13. Io voto il commento di Bert come intervento dell'anno. :)

    RispondiElimina
  14. @MrJamesFord: commento dell'anno soprattutto per le parole a casaccio che ogni tanto compaiono nei punti più impensabili... "fosse avesse" rules!

    RispondiElimina
  15. @Bert: Vogliamo parlare del mio "pEsello"?!?
    Cioè... non proprio il mio... quello scritto... Vabbè, avete capito! ...ihihih... :P

    RispondiElimina
  16. caspita, bel pezzo, mi piace il tuo blog (ho dato uno sguardo anche ad altri post). bella persona, bel mondo, begli amici.
    un po' di fatica nel capire come fosse strutturata la narrazione ma poi mi son goduto il racconto.

    un abbraccio

    RispondiElimina
  17. @Anxiety --> benvenuto! e grazie mille per i complimenti... per quanto riguarda la struttura, lo scrittore di casa è Mr.Ford, io qui scrivo come parlerei, perchè è sicuramente la parola il mio mezzo di comunicazione preferito!

    @Vince Symo --> come vedi ti accontento sempre... Accontento te e il tuo pesello!

    @Bert --> il miglior commento di sempre. I miei più sentiti complimenti!

    @Ford --> Lo voto anche io!

    @Polly --> il pisello al calamaro no. E' proibito dalla costituzione, dalla convenzione di Ginevra e anche dal patto della grande alleanza.

    @Francesca --> queste son robe da raccontarsi a voce...

    @Queen --> veramente! Queste sono le cose che ci faranno dire alle nostre figlie "ah quando ci ripenserai al Fulgenzio ci riderai sopra"

    RispondiElimina
  18. Vince e il suo pesello sentitamente ringraziano (MrFord permettendo, ovvio!). :P

    Voto anch'io quello di Bert come commento dell'anno (ma non glielo dite sennò si monta la testa... :D), ma, pensandoci bene, e visto che ormai posso dirmi abituato alle sue strambe elucubrazioni - e lui alle mie -, ancora non abbiamo potuto apprezzarne le migliori performance, credo... eheh.. ;)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...